Il colore delle parole

Digressione dall’argomento “root” principale (ma quale digressione? abbiamo stabilito che gli OT non esistono!) interessante in corso  nel blog di Mariaserena sull’influenza della forma mentis e della formazione culturale o PLE che dir si voglia e i suoi esiti nella scrittura per quanto riguarda la narrazione. Non solo background culturale ma anche esperienze di vita, dato che chi si occupi solamente di scrivere senza vivere, avrà ben poca Vita di cui raccontare. Ci sono naturalmente eccezioni alla norma eccelse.

In genere chi scrive storie “di finzione”, scrive di ciò che conosce (vedi il già citato Mario Tobino e il suo bellissimo Per le antiche scale), ma non volevo solo alludere alla sostanza, quanto alla forma. La forma è importante, così come il medium è il messaggio. Formalmente parlando, la letteratura scientifica è (o dovrebbe essere) caratterizzata da rigore formale, precisione nella scelta dei termini e ridotta ambiguità nella trasmissione del messaggio.

Mi sembra abbastanza naturale che uno scrittore di letteratura che abbia una formazione anche scientifica tenda a portare nelle proprie narrazioni alcuni tratti distintivi del  modo in cui è per così dire abituato a scrivere, tra i quali il rigore e la precisione, e a dare una personale sfumatura di colore alle parole che decide di scegliere. Tuttavia qualcuno più qualificato di me pensa che nemmeno un pittore possa scegliere il colore delle parole.

Ma sto facendo, come mio solito, ‘na mmescanfresca 🙂

‘O culore d’e pparole di Eduardo De Filippo

Quant’è bello ‘o culore d’e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,
nu piezzo ‘e carta –
nu’ importa si è stracciato
e po’ azzeccato –
e si è tutto ngialluto
p’ ‘a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?
Addeventa na festa
si ‘e pparole
ca porta scritte
so’ state scigliute
a ssicond’ ‘o culore d’ ‘e pparole.
Tu liegge
e vide ‘o blù
vide ‘o cceleste
vide ‘o russagno
‘o vverde
‘o ppavunazzo,
te vene sotto all’uocchie ll’amaranto
si chillo c’ha scigliuto
canusceva
‘a faccia
‘a voce
e ll’uocchie ‘e nu tramonto.
Chillo ca sceglie,
si nun sceglie buono,
se mmescano ‘e culore d’ ‘e pparole.
E che succede?
Na mmescanfresca
‘e migliar’ ‘e parole,
tutte eguale
e d’ ‘o stesso culore:
grigio scuro.
Nun siente ‘o mare,
e ‘o mare parla,
dice.
Nun parla ‘o cielo,
e ‘o cielo è pparlatore.
‘A funtana nun mena.
‘O viento more.
Si sbatte nu balcone,
nun ‘o siente.
‘O friddo se cunfonne c’ ‘o calore
e ‘a gente parla cumme fosse muta.
E chisto è ‘o punto:
manco nu pittore
po’ scegliere ‘o culore d’ ‘e pparole.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...