Archive for ‘Uncategorized’

31 dicembre 2012

2012 in review

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog.

Ecco un estratto:

600 people reached the top of Mt. Everest in 2012. This blog got about 7.200 views in 2012. If every person who reached the top of Mt. Everest viewed this blog, it would have taken 12 years to get that many views.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

11 marzo 2012

Dal blog di un partecipante a change.mooc.ca
#change11

Andrew Neuendorf

Google is not God, but the omnipresent search engine commands an unworldly level of trust from its followers. Consider a 2007 study by researchers at Cornell University and College of Charleston, aptly titled, “In Google We Trust.” Students asked to research a topic on Google heavily favored search results with high rankings, regardless of quality or relevance. Even after researchers artificially scrambled the rankings, students still clicked on links that appeared higher up on the page. The students’ eye movements were also tracked, revealing a Sisyphean battle between sight and mind:

When looked at in combination, the behavioral data (clicked choices) and the ocular data indicate that while there might be some implicit awareness of the conflict between the displayed position and their own evaluation of the abstracts, it is either not enough, or not strong enough, to override the effects of displayed position.

The medium is clearly too powerful…

View original post 1.706 altre parole

7 marzo 2012

Dal blog di Giovanna Cosenza, docente di Semiotica a UniBo
(non rebloggo spesso, ma quando rebloggo…)

D I S . A M B . I G U A N D O

Dopo il post Gli stereotipi della campagna Vodafone si è scatenata, da parte di allievi/e ed ex allievi/e, una vera e propria caccia agli steterotipi visivi che inchiodano uomini e donne in ruoli professionali spesso svantaggiosi per le donne dal punto di vista della gerarchia e del prestigio sociale che comportano.

Ieri Klode Klo mi ha segnalato il sito di Esselungajob.it come particolarmente ricco in questo senso. Ecco alcuni esempi.

Per Esselungajob.it (come per Vodafone) l’operatrice del Call center è donna…

Esselunga Call Center

… e la meritocrazia è maschile:

Esselunga Meritocrazia

La cassiera è donna…

Esselunga cassiera

… e la parola «specialista» tocca agli uomini:

Esselunga specialista panificazione

Per Esselungajob.it quando una donna sta al computer, viene in qualche modo affiancata o addirittura guidata (la postura è protettiva, avvolgente) da un uomo:

Esselunga donna al computer

Altrimenti la donna al computer ha l’aria di una che non sa che pesci pigliare:

Esselunga offerte di lavoro

Infine, la carriera direttiva spetta agli uomini:

Esselunga Alievo carriera direttiva

A cercar bene, qualche…

View original post 160 altre parole

17 febbraio 2012

questo non è un portfolio

2006 —  Ideazione di logo per web tv, ispirato al cineocchio di Dziga Vertov,  l’autore di L’uomo con la macchina da presa (Chelovek s kino-apparatom, Russia 1929).

View original post

30 gennaio 2012

questo non è un portfolio

Qualche giorno fa è diventata popolare una immagine scattata in un luogo pubblico che ritraeva Pierluigi Bersani assorto nella stesura (presumibilmente) di cose politiche importanti con un bicchiere di birra (presumibilmente Weizen) davanti. Mi sono (molto) divertita a giocare con quella immagine e questo è il risultato.

View original post

29 gennaio 2012

Tabella comparativa dei social media

Una su tre piccole imprese hanno una presenza sul web tramite i social media. Pregi e difetti dei più diffusi, come iniziare, lessico della terminologia utilizzata.

read more »

14 aprile 2011

Il colore delle parole

Digressione dall’argomento “root” principale (ma quale digressione? abbiamo stabilito che gli OT non esistono!) interessante in corso  nel blog di Mariaserena sull’influenza della forma mentis e della formazione culturale o PLE che dir si voglia e i suoi esiti nella scrittura per quanto riguarda la narrazione. Non solo background culturale ma anche esperienze di vita, dato che chi si occupi solamente di scrivere senza vivere, avrà ben poca Vita di cui raccontare. Ci sono naturalmente eccezioni alla norma eccelse.

read more »

15 marzo 2011

panacea

Energiche coccole.